Momento di relax durante il quale potersi godere il silenzio

Silenzio e meditazione: 30 minuti per pulire la mente

Viviamo immersi nel rumore: al lavoro, a casa, anche per strada, siamo sempre accompagnati da una “colonna sonora” di parole, musica, suoni della strada e del traffico. Siamo così abituati al rumore, che il silenzio ci sembra mancanza di qualcosa, addirittura ci innervosisce o spaventa.

La pratica del silenzio invece è tutta da scoprire: placa l’attività frenetica della mente e conduce alla quiete interiore. Il silenzio non è mancanza di comunicazione ma è la forma più alta di comunicazione – quella con se stessi – perché porta al contatto con la propria interiorità.

La pratica del silenzio non va intesa solo come assenza di rumori esterni, ma anche come silenzio interno, il tentativo di ridurre la quantità di pensieri, placare discorsi e le agitazioni della mente e trovare così il silenzio interiore.

Il silenzio viene considerato una forma di disciplina spirituale presso alcune forme di religione e spiritualità. Questo avviene particolarmente in quelle orientali: ad esempio, nel contesto induista o buddhista, il silenzio è una delle forme più alte di meditazione.

Anche la scienza ha dimostrato che il silenzio meditativo aiuta a rigenerare il corpo e la mente. Una ricerca pubblicata sulla rivista “Psychiatry Research: Neuroimaging” ha illustrato i benefici della meditazione sul cervello. Usando scansioni cerebrali per analizzare l’attività del cervello durante la meditazione, si è visto che trenta minuti di meditazione al giorno per otto settimane hanno favorito lo sviluppo cerebrale, con un aumento della densità della materia grigia in zone legate a memoria, consapevolezza, empatia e riduzione dello stress.

Ma come portare il silenzio nella vita di tutti i giorni?

Chi non prova simpatia per la meditazione può comunque dedicarsi almeno trenta minuti di silenzio al giorno: basta sedersi in un luogo pacifico e concentrarsi sul proprio respiro, lasciando che i pensieri si dissolvano come nubi al sole. In macchina, al ritorno a casa dal lavoro, al mattino quando ci si prepara non serve accendere sempre la radio o la televisione. Proviamo ad ascoltare il silenzio e lasciare che pulisca la mente dall’accumulo di pensieri.

Ovunque siate, il silenzio farà sentire più leggeri, lucidi e rigenerati.

__________

L’autore

Arcangelo Di Salvatore è insegnate di Yoga, docente di Ayurveda, massaggio e automassaggio ayurvedico presso la Scuola SIMA Ayurveda.
È inoltre il content manager dello Spazio SoloSalute di Milano.